1

concato per marta

OMEGNA - 21-05-2019 - Ha fatto registrare il tutto esaurito il Teatro Sociale per la sesta edizione, di "Marta...fiore di maggio!” la serata dedicata a Marta Giroldini. Non sono mancate grandi emozioni e gli allievi e gli insegnati del centro di formazione artistica Arcademia e i componenti della band MovinK, ci hanno messo grande, energia, passione e amore. Tante anche le sorprese: Simone Cristicchi autore e interprete della canzone “Abbi cura di me” tra i protagonisti indussi all’ultimo Festival di Sanremo, ha fatto pervenire un bellissimo video-messaggio davvero intenso e coinvolgente. Poi, sul palco, è arrivato arrivato Fabio Concato, del quale non era stata annunciata la presenza.  
Il “papà” del brano “Fiore di maggio” che ha ispirato il titolo dell’evento promosso da Arcademia,  è spuntato sul finale per proporre questo brano che ormai appartiene a Marta e a tutti coloro che le vogliono bene e accompagnato dai musicisti Sergio Cesarato, Danilo Donzella e Mauro di Ruscio, ha proseguito con alcuni sui grandi successi rimasti nella storia della musica italiana: “E ti ricordo ancora”, “Rosalina” e “Domenica bestiale”. Concato ha anche dialogato con la famiglia Giroldini e con il pubblico, confidando la propria emozione nell’essere stato coinvolto, non solo in uno spettacolo, ma in una storia che molti coltivano nel cuore. L'incasso (con offerte libere) è stato di  3.045 euro ed ha superato il record dello scorso anno.
Di questi 2.700 andranno al Ciss Cusio per sostenere il progetto “La Zattera” che ha l’obiettivo di aiutare e affiancare le famiglie in difficoltà e tutelare i minori. 345 euro, derivati dalla vendita di uno speciale zainetto sul quale è stata stampata una scritta che Marta aveva riportato sul suo zainetto di scuola, andranno invece a sostenere il progetto di primo soccorso psicologico rivolto alle famiglie delle vittime della strada e agli operatori che le assistono (forza dell’ordine e personale sanitario).  Questa iniziativa, supportata anche dalla Fondazione Comunitaria del VCO è realizzata in ricordo di Elisa Incerto e Marta Giroldini.