1

FOTO 2

MASERA - 11-11-2019 - Il Comando Stazione Carabinieri Forestale

di Domodossola ha posto sotto sequestro a Menogno di Masera, un manufatto formalmente destinato ad uso deposito agricolo ma in realtà trasformato in un vero e proprio immobile residenziale. Il proprietario della struttura aveva aperto in Comune una pratica edilizia per la ristrutturazione del tetto dell’edifico e la posa di un lavabo, tuttavia i cc hanno accertato che ha completamente trasformato l’immobile in un’unità abitativa residenziale suddivisa, mediante la realizzazione di soppalchi in legno, su tre distinti piani che sviluppano su una superficie di oltre cento metri quadrati. All’interno dell’edificio evidente è apparso il cambio della destinazione d’uso del manufatto caratterizzato dalla presenza di cucina, stufe a legna, due camere da letto, doppi servizi igienici, mobilio e tre televisori di ultima generazione. Presso l’immobile risultavano inoltre attivate le utenze di fornitura energetica (elettricità e gas) e sul tetto erano presenti antenna tv e parabola di connessione ad internet. Erano state inoltre realizzate aperture e finestre in assenza dei relativi titoli autorizzativi.
Tutti gli accertamenti sono stati compiuti dai militari della Stazione di Domodossola con la collaborazione del Comando del Servizio Associato di Polizia Locale di Masera e dell’Ufficio tecnico comunale il cui personale aveva più volte comunicato al direttore dei lavori l’illiceità della trasformazione edilizia in atto prima di richiedere l’effettuazione di un intervento congiunto con la polizia giudiziaria.
Dagli accertamenti espletati è emerso come l’immobile venisse utilizzato alla stregua di seconda casa da parte dei familiari del proprietario dimoranti in Svizzera.
Il direttore dei lavori ed il proprietario sono quindi stati denunciati per i reati di abuso edilizio e violazione alle norme urbanistiche comunali e regionali. L’edificio è stato posto sotto sequestro penale ed il provvedimento convalidato dal Pubblico Ministero.

FOTO 3

FOTO 1