1

    Schermata 2019 11 12 alle 13.32.29

    NAPOLI- 12-11-2019- Si è spento questa mattina presso l’Ospedale di Napoli, dove era ricoverato dopo un intervento, il prof. Almerico Realfonzo, ingegnere, docente universitario, autore di numerose pubblicazioni anche di carattere storico, in particolare legate al periodo del fascismo e della Resistenza alla quale prese parte a Milano durante i giorni della Liberazione, ma anche al periodo trascorso a Domodossola dopo l’armistizio del 1943 e fino all’agosto del 1944 con la famiglia che era sfollata dalla città partenopea, frequentando il Collegio Maschile ‘Mellerio Rosmini’, prendendo contatto con gli ambienti resistenziali e partigiani.

    Trascorsa la fase finale della guerra a Milano, operando a fine aprile del 1945 con la ‘Divisione Ticino’, era successivamente rientrato a Napoli dove si laureò in Ingegneria, iniziando una prestigiosa carriera professionale e di docente presso le Università di Bari, dell’Università “Federico II” di Napoli e, già in quiescenza, all'Università “L'Orientale”,  sempre a Napoli, senza contare le numerose docenze in corsi di Perfezionamento, di Dottorato di Ricerca e in diversi Master e le pubblicazioni di carattere scientifico pubblicate in un quarto di secolo.

    Il legame già esistente con l’Ossola si era rafforzato con la pubblicazione nel 2008 del libro “I giardini rosminiani”, seguito da altri testi di memorialistica come “I giorni della Libertà”, “Milano 1944” e da ultimo “Il Tempo Giovane”, presentato a Domodossola lo scorso settembre nell’ambito delle iniziative per il 75° della Repubblica dell’Ossola, quando per l’ultima volta visitò i luoghi della sua gioventù, tra cui la Valle Formazza. (QUI L'ARTICOLO)

    Proprio per questo suo impegno nel mantenere viva la memoria della Resistenza e dei suoi valori, nel 2017 è stato insignito del prestigioso Premio Repubblica partigiana dell'Ossola, che andava ad aggiungersi ad altri riconoscimenti ricevuti a livello nazionale.

    Nonostante l’età, era infatti nato a Napoli nel 1927, fino all’ultimo ha mantenuto una vivacità di interessi e di produzione di scritti, lavorando ancora di recente alla predisposizione di un convegno sulle Resistenze d’Europa, programmato per la primavera del 2020, nella ricorrenza del 75° della fine della Seconda Guerra mondiale.

    Con Almerico Realfonzo scompare un grande personaggio, che significativamente in occasione della presentazione del suo libro a Domodossola era stato definito “ambasciatore della Repubblica dell’Ossola” nel Sud Italia.

    I funerali si svolgeranno domani a Napoli.