1

Panorama Domodossola da Monte Calvario

DOMODOSSOLA - 14-02-2020 - La Showa Women’s University di Tokyo

fa tappa per il settimo anno a Domodossola, festeggiando i 100 anni della sua fondazione.

In occasione del centenario il Sindaco di Domodossola riceverà in dono il Mormaggio, prodotto alimentare simbolo della collaborazione enogastronomica tra la città ed il Giappone. Per commemorare i 100 anni della nascita dell’Università le studentesse visiteranno anche la Sacra di San Michele, monumento simbolo della Regione, gestito dall’Ordine rosminiano.

Martedì 18 febbraio alle ore 9.00 presso il Comune di Domodossola, il sindaco Lucio Pizzi darà il benvenuto al gruppo di studentesse giapponesi della Showa Women’s University di Tokyo. . Il prof. Iino Hisakazu, professore di Microbiologia accompagnerà le giovani studentesse dell’università per la settima volta. Le studentesse studiano scienza dell’alimentazione e storia dell’arte. Quest’anno l’Università festeggerà i 100 anni dalla fondazione. Il soggiorno-studio sarà organizzato dall'Italian Culinary Tradition - ICT di Torino, agenzia di formazione professionale e si terrà presso il Collegio Rosmini, coordinatore ing. Luca Colini, responsabile della Cooperativa Rosmini.

Quest’anno per ringraziare la Comunità di Domodossola che da molti contribuisce al successo dell’iniziativa, l’Italian Culinary Tradition e la Showa Women’s University doneranno al Sindaco di Domodossola un prodotto alimentare del tutto nuovo che unisce la tradizione alimentare giapponese ed italiana: il Mormaggio, formaggio lombardo affinato nel moromi, salsa tradizionale giapponese ottenuta dalla soia. Il formaggio è il frutto della sperimentazione del dott. Carlo Fiori dell’azienda Guffanti, affinatore esperto di Arona, presentato pochi mesi fa a Tokyo in occasione del Salone dei Formaggi Italiani organizzato dall’ICE, Istituto per il Commercio Estero. Esportato in Giappone, viene utilizzato soprattutto da esperti cuochi, tra cui alcuni ex allievi dei corsi di Domodossola, ora titolari di ottimi ristoranti italiani.

Dopo il soggiorno ossolano, il gruppo di studentesse si sposterà a Torino, dove la tappa principale sarà la visita della Sacra di san Michele, gestita dai Padri Rosminiani, per la prima volta inserita nel soggiorno. La Showa vuole così ringraziare anche l’ordine Rosminiano che ha contribuito dal 1995 ad ospitare studenti giapponesi, festeggiando anche con i Padri i 100 della scuola.

Anche quest’anno oltre al corso di cucina svolto dalla Coop. Rosmini, il Comune di Domodossola ha organizzato una visita alla Latteria Turnaria di Oira per presentare la lavorazione del formaggio ossolano partendo dalla cagliata e la visita all’azienda vinicola Garrone per conoscere il vitigno autoctono Prunent. Le studentesse visiteranno, inoltre, alcune altre realtà artigianali di Domodossola, per conoscere meglio la lavorazione del cioccolato (vista alla cioccolateria Grandazzi) e la lavorazione del pane (panetteria da Ivano).