1

pedale ossolano squadra 20

VCO-NOVARA- 05-06-2020-- Perplessità sul congelamento

delle categorie minori vengono espresse dal Pedale Ossolano, società presente nel panorama ciclistico giovanile da quattro decenni, sollecitata dal proprio comitato regionale di appartenenza ad una riflessione in merito al delicato momento che anche il ciclismo giovanile sta attraversando a causa della pandemia in corso esprime alcune considerazioni: "Per quanto concerne il dibattito in corso sul congelamento delle categorie 2020 con inserimento di una in più nei giovanissimi- si spiega- ci vede contrari a questa soluzione. Questo perché a nostro avviso tutti i ragazzi ripartiranno (appena sarà possibile) a parità di condizioni con gli stessi svantaggi dati dalla sosta forzata ed inoltre l’aggiunta di una categoria dei giovanissimi renderebbe la gestione organizzativa molto più onerosa per le società sia in termini economici che di tempo ( le gare si trasformerebbero in lunghe maratone con 7 categorie e magari più batterie ciascuna) ed inoltre difficoltosa nei rapporti con gli enti locali concedenti gli spazi pubblici. Auspichiamo per queste ragioni che le federazioni nazionale ed internazionale trovino una soluzione per quelle categorie maggiori (Junior e Under ) dove la perdita dell’anno agonistico è più rilevante senza coinvolgere le categorie giovanili dai giovanissimi agli allievi dove i ragazzi hanno tutta una vita sportiva ancora da percorrere.

Lo svolgimento delle gare in calendario 2020, delle categorie Giovanissimi ,Esordienti e Allievi, sembra ad oggi ancora molto incerto, ma qualora ci fossero i presupposti, la nostra società a livello organizzativo è nelle condizioni di garantire lo svolgimento delle gare messe in calendario nel mese di Agosto e Settembre ed eventualmente Ottobre ,questo grazie al supporto dei nostri collaboratori e sponsor che, seppur limitatamente in conseguenza della congiuntura economica, scelgono comunque di supportarci.

Occupandoci delle categorie Giovanissimi, Esordienti ed Allievi affrontiamo il problema attuale dell’attività con sedute singole per gli atleti delle categorie maggiori, mentre siamo costretti ancora allo stop con i più piccoli Giovanissimi per i quali disponiamo di un circuito completamente chiuso al traffico ma non interdetto al passaggio pedonale di estranei con le relative problematiche di sicurezza sanitaria.

In conclusione, nell’attesa del ritorno alla normalità e di ritrovarci con gli amici degli altri sodalizi sportivi in occasione degli impegni agonistici, cerchiamo di essere vicini ai nostri ragazzi per continuare a far germogliare in loro la passione per il ciclismo e chissà……. scoprire ancora nuovi talenti".