1

tribunale esterno 16 2

VERBANIA - 05-08-2020 -- Saranno gli esiti dell’autopsia

condotta oggi dal medico legale dell’Asl Elena Barbero a chiarire le cause e le circostanze della morte di un’anziana di 88 anni rinvenuta priva di vita venerdì scorso nella sua abitazione di Verbania. È stata la Procura della Repubblica a chiedere una consulenza tecnica nell’ambito di un fascicolo aperto a carico del figlio 62enne della donna, iscritto nel registro delle notizie di reato con l’ipotesi di omicidio colposo. Si tratta di un atto dovuto dal momento che, essendo necessario effettuare un accertamento unico e irreperibile (l’autopsia), va notificata l’informazione di garanzia all’indagato, affinché sia a conoscenza del procedimento e possa difendersi, anche nominando propri consulenti.

Ai sanitari e ai soccorritori intervenuti nella prima serata di venerdì è parso subito che la causa del decesso dell’anziana fosse naturale. Non c’è, infatti, alcuna evidenza di un gesto volontario, ma la Procura vuole approfondire ciò che è accaduto nelle ore precedenti. L’ipotesi è che il figlio fosse a conoscenza che la madre non si sentisse bene, ma avrebbe avvisato i soccorritori solo più tardi, quando non c’era più nulla da fare. Sarà il referto del medico legale, da depositare entro 60 giorni, a far luce su questi aspetti.