1

muro dipinto

ORTA SAN GIULIO - 23-10-2020 --  Sono state presentate

lo scorso fine settimana  a Legro di Orta San Giulio, le iniziative della Pro Loco “Accademia delle Arti e del Muro Dipinto” .


Nella piccola frazione di Orta 22 anni fa è nato il primo paese dipinto italiano dedicato al cinema e alla TV e da quel momento è stato un continuo fiorire di opere d’arte ed iniziative.


Alla conferenza stampa erano presenti in rappresentanza della Provincia di Novara il delegato al turismo Ivan De Grandis, per la Città di Verbania l’assessore alla cultura Riccardo Brezza, gli amministratori comunali di Armeno, Mezzomerico e Gargallo, il presidente del Distretto dei laghi Francesco Gaiardelli e il presidente provinciale UNPLI, Massimo Zanetta.
All’incontro ha presenziato anche il direttore artistico dell’ “Accademia”, Dietrich Bickler che ha annunciato il suo ritorno a Legro dopo vent’anni con una nuova opera che chiuderà la “trilogia di Matilde” che tanto scalpore mediatico fece ventuno anni or sono in Italia e all’estero.


Simone Ferrero, l’artista novarese che lo scorso anno realizzò il primo grande mosaico dedicato all’attrice Elsa Martinelli, ha presentato la nuova opera sponsorizzata dalla Città di Stresa per ricordare Valentina Cortese; Giulia Nicolosi (17 anni, Liceo artistico di Omegna) ha svelato il bozzetto da proporre alla Città di Verbania (omaggio a Sylva Koscina, Paolo Villaggio e Lino Toffolo) e Barbara Carcano quello per il Parco Nazionale Val Grande, che finanzia il dipinto legato al film “La buona terra”, del 2018.
“Covid permettendo -ha dichiarato il presidente Fabrizio Morea- entro il prossimo mese nella “Galleria degli Artisti” inaugureremo l’omaggio ligneo in ricordo del maestro Ennio Morricone firmato da Michela Mirici Cappa e l’opera del Comune di Stresa, ma stiamo guardando anche al 2021 con i restauri del grande murale ‘Riso amaro’ (di Salvo Caramagno), di ‘Una spina nel cuore” (di Luciano Pareschi) e di due opere firmate RAI : lo sceneggiato “Il Balordo’ tratto dal romanzo di Piero Chiara (di Lorenzo Cancelli) e l’installazione ispirata alla fiction ‘Un Difetto di famiglia’ (dell’artista Barbara Biscuola).
Infine, un doveroso omaggio a “La freccia azzurra”, il film di animazione di Enzo d’Alò che ricorda l’opera di Gianni Rodari, dipinto anni fa da Stefano Maestrini”.


A questo impegnativo progetto di restauri si aggiungeranno un omaggio ad Adriano Celentano e un ricordo all’indimenticato Bud Spencer.
Sono seguiti gli interventi degli amministratori comunali di Mezzomerico, Armeno e Gargallo, che hanno commissionato all’Accademia delle Arti altrettante opere pittoriche. L’assessore Cristina Mattachini ha annunciato l’avvenuto avvio dei primi tre di sette murales dedicati alla donna in agricoltura a Mezzomerico, mentre ad Armeno ha detto Laura Pilato, entro fine mese sarà presentato il bozzetto del murale di 32 metri curato da Michela Mirici Cappa e dagli allievi del Corso Uni3 della città di Omegna.
Il vice sindaco di Gargallo Massimo Poletti ha infine spiegato che le iniziative proposte dall’ Accademia, costituiranno un ricordo dell’industria calzaturiera e delle fornaci.
Il presidente della Pro Loco Accademia ha quindi comunicato degl’importanti patrocini pervenuti dall’ANCI e dalla TGR RAI che sarà Media partner delle iniziative in itinere come il nuovo progetto dal titolo “Le Vie del cinema” destinato a un bando europeo che coinvolgerà il Distretto Turistico dei Laghi, ATL di Novara, Parco Nazionale della Val Grande e le Regioni Piemonte e Lombardia.

Foto repertorio