1

IMG 9857 copia

VCO - 23-06-20220 -- In occasione dell'anniversario di fondazione del Corpo, la Guardia di Finanza, come di consueto ha reso noti i risultati dell'attività dell'anno appena trascorso. Nel VCO si evidenzia l'impegno a tutto campo in contrasto ai reati e per la prevenzione.

Nel 2021 e nei primi cinque mesi del 2022, la Guardia di finanza di Verbania ha eseguito 785 interventi ispettivi per contrastare gli illeciti economico-finanziari e le infiltrazioni della criminalità nell’economia: un impegno “a tutto campo” a tutela di famiglie e imprese, destinato ad intensificarsi ulteriormente per garantire la corretta destinazione delle risorse del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza.

FRODI ED EVASIONE FISCALE
Sono stati eseguiti 226 interventi, tra verifiche fiscali e controlli, constatando una “base imponibile netta evasa” per complessivi 154 milioni di euro e una “maggiore imposta constatata IVA” per 87 milioni di euro.

Sono stati individuati 103 evasori totali, ossia esercenti attività d’impresa o di lavoro autonomo completamente sconosciuti al fisco (molti dei quali operanti attraverso piattaforme di commercio elettronico), e 32 lavoratori in “nero” o irregolari.

Scoperti, inoltre, 30 casi di evasione fiscale internazionale, principalmente riconducibili all’illecita detenzione di capitali oltreconfine.

I soggetti denunciati per reati tributari sono 74, di cui 7 tratti in arresto. Il valore dei beni sequestrati quale profitto delle frodi fiscali è di oltre 2.500.000 euro.
5 sono, invece, i controlli doganali sulle merci introdotte sul territorio nazionale in evasione dei dazi doganali per oltre 13.700.000 euro.

I controlli contro il gioco illegale hanno portato all’erogazione di sanzioni per oltre 13.000 euro.

SPESA PUBBLICA
L’impegno a tutela della corretta destinazione delle misure introdotte dalla legislazione emergenziale non ha riguardato solo i bonus fiscali ma anche i contributi a fondo perduto e i finanziamenti bancari assistiti da garanzia, oggetto di 35 controlli, che hanno portato alla denuncia di 3 persone per l’indebita richiesta o percezione di oltre 97.000 euro.

Complessivamente, gli interventi in materia di spesa pubblica sono stati 396, cui si aggiungono 2 indagini delegate dalla magistratura nazionale ed europea (EPPO): 75 soggetti sono stati denunciati e 21 segnalati alla Corte dei conti per danni erariali pari a oltre 7.600.000 euro.

I controlli sul reddito di cittadinanza, svolti in collaborazione con l’INPS, hanno riguardato, in maniera selettiva, soggetti connotati da concreti elementi di rischio. Nel complesso, sono stati eseguiti 81 controlli che hanno portato alla scoperta di somme indebitamente percepite per oltre 237.000 euro e alla denuncia all’autorità giudiziaria di 61 persone.

Un impegno importante è stato dedicato al controllo degli appalti, anche in ragione del ruolo che rivestiranno tali procedure nell’ambito del PNRR, in vista del quale la Guardia di finanza sta affinando strumenti di analisi e moduli operativi, in collaborazione con tutte le Amministrazioni responsabili della gestione e dell’attuazione dei progetti e degli investimenti.

4 le persone denunciate per reati in materia di appalti e corruzione.

Il valore degli appalti controllati ammonta ad oltre 2.800.000 euro milioni e le procedure contrattuali risultate irregolari, in quanto interessate da condotte penalmente rilevanti, hanno interessato oltre 1.570.000 euro.

 

CRIMINALITA' ORGANIZZATA ED ECONOMICO-FINANZIARIA
In materia di riciclaggio e autoriciclaggio sono stati eseguiti 9 interventi, che hanno portato alla denuncia di 19 persone per importo accertato riciclato corrispondente ad oltre 8.500.000 euro con proposte di sequestro per analogo importo.

Sono state analizzate 212 segnalazioni di operazioni sospette.

Ai confini terrestri sono stati eseguiti 1.554 controlli sulla circolazione della valuta, per movimentazioni transfrontaliere relative ad oltre 4.970.000 euro, accertando 113 violazioni e operando sequestri per più di 435.000 euro.

93 accertamenti sono stati svolti su richiesta dei Prefetti, in funzione del rilascio della documentazione antimafia.

Sono stati sottoposti ad accertamenti patrimoniali 13 soggetti con la conseguente richiesta in fase cautelare del sequestro preventivo di beni, ex art 12 sexies, per un importo di 3 milioni e 400 mila euro

Il contrasto al narcotraffico ha portato all’arresto di 3 soggetti, a 12 denunce a piede libero e alla segnalazione alla Prefettura di 581 persone. Complessivamente sono stati sequestrati oltre 14 chilogrammi di sostanze stupefacenti.

Sul versante della contraffazione sono stati eseguiti 18 interventi, sottoponendo a sequestro circa 43.000 prodotti industriali contraffatti, con falsa indicazione del made in Italy e non sicuri. Denunciati 12 soggetti.
In particolare, si segnala il sequestrato di circa 22.600 giocattoli non sicuri.

SOCCORSO E SICUREZZA PUBBLICA
Il Soccorso Alpino della Guardia di finanza ha eseguito 46 interventi che hanno permesso di portare in salvo 46 persone.

Nel periodo dell’emergenza sanitaria, unitamente alle altre Forze di Polizia, è stata assicurata l’attuazione delle misure di contenimento della pandemia eseguendo 14.400 controlli, all’esito dei quali 93 soggetti sono stati sanzionati.

Il concorso fornito alle altre forze di polizia per il mantenimento dell’ordine e della sicurezza pubblica è stato garantito attraverso l’esecuzione di oltre 1600 turni di servizio di controllo del territorio variamente articolati.