1

Cannot find arona_night_bike_16 subfolder inside /var/www/vco24/images/arona_night_bike_16/ folder.
Admiror Gallery: 5.1.1
Server OS:Apache/2.4.7 (Ubuntu)
Client OS:Unknown
PHP:7.1.3-2+deb.sury.org~trusty+1

arrivo bike night arona

ARONA-10-10-2016- Sono arrivati di notte e alle prime luci dell'alba in Piazza del Popolo i concorrenti della Bike Night Milano-Lago Maggiore. Erano 536 gli iscritti che sono partiti da Milano in piazza Leonardo da Vinci, passati sotto la Madonnina del Duomo, per poi giungere ai Navigli e percorrere 98 chilometri, di cui l'88 % su piste ciclabili, prima di raggiungere Arona e fare colazione in Piazza del Popolo . Nata nel 2014 a Ferrara con 200 partecipanti, Bike Night è arrivata, nel 2016, in cinque città: Ferrara (quest'anno ha raggiunto 1500 ciclisti), Bolzano, Udine, Verona e Milano. La filosofia è ovunque la stessa: non conta il cronometro, non c'è ordine di arrivo. Spiegano gli organizzatori della Witoor: “C'erano tutti i tipi di ciclisti alla Bike Night: l'agonista, quelli su scatto fisso, le famiglie, gruppi di ragazzi, uomini donne e bambini, il più piccolo di soli 12 anni. E' stata una festa, dove non serve agghindarsi ma si interpreta finalmente soltanto sè stessi”. Organizzato da Witoor e Città della Cultura/Cultura della Città, il progetto Bike Night 2016 con cinque tappe in Italia è reso possibile dal contributo di una serie di sponsor. L'edizione meneghina - lacuale ha avuto il patrocinio del Comune di Abbiategrasso, Golasecca, Sesto Calende, Castelletto Ticino e Arona. “Peccato per la pioggia che dalle 3 del mattino è iniziata a cadere nella zona del Ticino ed ad Arona. I primi due (un atleta con bici da corsa ed uno in mountain bike) sono giunti intorno alle 4, dopo essere partiti a mezzanotte, gli ultimi intorno alle 8 del mattino. Il 25% dei concorrenti erano donne ed alcuni avevano delle bici sicuramente inconsuete. Solo una ventina si sono ritirati strada facendo. La notte purtroppo non era illuminata dalla luna, ma tutti i concorrenti avevano dei fanali e dei giubbotti catarifrangenti”. L'organizzazione di Witoor ha assicurato assistenza meccanica e sanitaria lungo il percorso, e ha allestito un servizio di rientro in pullman (bici compresa) per chi volesse prenotarlo (o treno).

Maurizio Robberto

 

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.