1

vel svi

BERNA – 13.09.2017 – Il pilota è morto.

S’attendeva solo la conferma ufficiale, giunta nella notte di ieri, dell’esito dell’incidente aereo accaduto in Svizzera. Un aereo Pilatus C-7 delle forze aeree militari elvetiche in viaggio tra Payerne, nel Canton Vaud, e Locarno, era sparito dai radar attorno alle 8,20. Era atteso in Ticino alle 9, ma non è mai atterrato. Le ricerche condotte dalle autorità rossocrociate hanno permesso di individuare il luogo dello schianto, le montagne sopra Grindelwald, nell’Oberland bernese, verso le 16. Più lenti i soccorsi a terra, che hanno raggiunto il luogo a tarda ora accertando che il pilota, unico passeggero, era deceduto. Le autorità svizzere confermano l’accaduto e informano che la famiglia del pilota è stata informata. Il recupero dei rottami del velivolo avverrà nei prossimi giorni con squadre specializzate. L’area nel frattempo è stata interdetta alle persone e nel raggio di cinque chilometri è fatto divieto di sorvolo aereo a una quota inferiore ai 4.000 metri. Le indagini sono affidate alla giustizia militare.

È il terzo incidente mortale aereo che si verifica in Svizzera nell’ultimo anno. Il 29 agosto 2016 un F/A 18 si schiantò nella regione del Susten, nel Bernese, e nell’impatto morì il pilota. Due le vittime – i piloti, mentre l’assistente di volo rimase ferito – dello schianto del 28 settembre al Passo del San Gottardo, protagonista un elicottero Super Puma.

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.