1

cento euro fac simile

VERBANIA – 14.03.2018 – La truffa delle finte banconote 

da cento euro gli è costata una condanna. Un anno e 600 euro di multa è la pena stabilita dal got del Tribunale di Verbania Marta Perazzo per Franco Pellone, 42enne originario del Napoletano ma residente in Lombardia che, nel giugno del 2016, ingannò alcuni tabaccai dell’Aronese appropriandosi di 1.000 euro. La sua tecnica di raggiro, raccontata dalle stesse vittime, era ingegnosa. Fingendosi cliente, si recava allo sportello chiedendo una ricarica da 400 euro (il massimo consentito) su una carta Poste-pay. Nell’annunciare l’ordine poggiava sul bancone un portafogli da cui uscivano, ben riconoscibili, diverse banconote da 100 euro. Banconote false – tutti l’avrebbero scoperto dopo – che servivano per rassicurare l’esercente prima di dare il via libera telematico all’operazione. Ogni qual volta era il momento di concludere con il pagamento, l’uomo s’inventava una scusa per assentarsi e, uscendo come se stesse per rientrare, lasciava sul tavolo il borsellino. Poi spariva.

Rintracciato tramite la carta Poste-pay è stato tratto a giudizio a Verbania per rispondere di tre episodi specifici. Per due è stato riconosciuto colpevole, subendo la condanna chiesta dal pm Guido Dell’Agnola, che ha sottolineato i precedenti dell’imputato. Per una truffa è stata dichiarata l’improcedibilità perché la denuncia ai carabinieri fu sporta non dal titolare dell’attività, e legale rappresentante, ma dal marito della donna, coadiuvante in tabaccheria.

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.