1

intra alta

VERBANIA – 13.06.2018 – Un altro mese

per chiudere la pratica, con le banche e con i promissari acquirenti di “Intra alta”. Ieri mattina il giudice Claudio Michelucci della sezione civile del tribunale di Verbania, preso atto che pendono trattative tra le parti, ha deciso di rinviare l’udienza di ammissione al passivo dei creditori della società “La Vela” del fallimento Palese. Nel crac del gruppo immobiliare verbanese, oltre alle posizioni delle ultime banche con cui non è stata trovata un’intesa, cioè Veneto Banca in liquidazione e IntesaSanPaolo, resta il nodo dei 22 promissari acquirenti del condominio “Intra alta”, persone e famiglie che hanno pagato in anticipo -qualcuno anche quasi l’intera somma- per un appartamento del complesso situato tra via XXIV Maggio e corso Cairoli di cui non sono proprietari ma, essendo gravato da ipoteca, è in mano a Veneto Banca in liquidazione. Per poter consentire a queste persone di non perdere le somme versate e per, saldando la differenza, ottenere la proprietà tramite rogito, è necessario che la banca rinunci, in cambio di una somma concordata con la curatela, all’ipoteca che grava sull’immobile.

Sino a pochi mesi fa sembrava non ci fossero spiragli per concludere la transazione. Poi, grazie anche alla protesta pubblica dei promissari acquirenti, i curatori di Veneto Banca (che è in liquidazione coatta amministrativa) hanno preso contatto con i curatori fallimentari del gruppo Palese, gli avvocati Riccardo Sappa e Matteo Sanvito e il commercialista Alessandro Ambroso, iniziando una trattativa che non è ancora chiusa ma che, come hanno spiegato le parti ieri al giudice, potrebbe risolversi positivamente a breve. Per questo motivo è stata concesso un ulteriore mese di tempo e l’udienza rinviata al 13 luglio.

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.