1

fibra bognanco

BOGNANCO - 10-08-2018 - 400 abitazioni e attività imprenditoriali della Val Bognanco

saranno raggiunte dalla banda ultra larga.
Open Fiber ha infatti ufficialmente avviato i lavori per la realizzazione di una nuova infrastruttura, interamente in fibra ottica, in modalità FTTH (Fiber To The Home), che consentirà di navigare ad una velocità di connessione fino a 1 Gigabit al secondo, assicurando performance non raggiungibili con gli attuali impianti in rame o misti fibra/rame.
Questo progetto si è reso possibile grazie alla convenzione firmata tra il ministero per lo Sviluppo Economico, la Regione Piemonte, i Comuni interessati e Infratel Italia, società “in house” del ministero. La convenzione ha permesso l’emissione da parte di Infratel del primo e del secondo bando di gara per la costruzione e la gestione di una rete a banda ultra larga nelle cosiddette “aree bianche” o “a fallimento di mercato”. Bandi per costruire e gestire infrastrutture in fibra ottica, vinti da Open Fiber, società attiva in tutto il territorio nazionale che  avrà le reti in concessione per 20 anni pur rimanendo di proprietà pubblica. E così sono più di 400 le unità immobiliari di Bognanco che saranno collegate alla banda ultra larga attraverso una rete in fibra ultraveloce di 7 km, grazie ad un investimento superiore ai 150 mila euro. Il valore complessivo del bando Infratel per la copertura delle aree bianche o a fallimento di mercato del Piemonte è di circa 272 milioni di euro.
Anche a Bognanco stiamo realizzando una rete a prova di futuro – ha spiegato Marco Luttati, Regional Manager Piemonte Cluster C&D di Open Fiber – la nuova infrastruttura sarà strategica per supportare il rilancio economico di tutta la valle, in quanto abiliterà tanti servizi innovativi per i cittadini e le attività produttive, che potranno beneficiare di una velocità di connessione fino a 1 Gigabit al secondo”.
I lavori dureranno circa sei mesi – ha sottolineato Luca Cavanna, Field Manager di Open Fiber – ove possibile utilizzeremo infrastrutture esistenti per minimizzare i disagi per i cittadini, mentre eventuali attività di scavo saranno effettuate utilizzando tecniche innovative e a basso impatto ambientale. Ringrazio l’Amministrazione comunale e gli uffici tecnici, che hanno sin da subito compreso il valore del piano di Open Fiber e ci hanno supportati in tutte le fasi progettuali”.
Una volta conclusi i lavori, gli utenti interessati non dovranno far altro che contattare un qualsiasi operatore, scegliere il piano tariffario e navigare ad alta velocità, cosa fino ad oggi impossibile in alcuni luoghi del territorio.