1

Ospedale S. Biagio

PREMOSELLO CHIOVENDA - 10-10-2019 -  Il sindaco

di Premosello, Giuseppe Monti, assieme alla famiglia ha scritto una lettera aperta di ringraziamento a tutti gli operatori sanitari del San Biagio di Domodossola per la cura e l'attenzione mostrata durante il ricovero della madre nel reparto di Cardiologia. Con l'occasione il primo cittadino di Premosello rimarca che si tratta di "un caso di ottima Sanità", il che spinge ulteriormente a chiedere che si avada verso l'opedale unico del VCO.  

La lettera:

Con la presente lettera desideriamo porgere un personale ringraziamento pubblico a tutti i medici, infermieri ed OSS del DEA del San Biagio di Domodossola e del reparto di Cardiologia/Emodinamica diretto dal Dott. Alessandro Lupi, per la professionita’, l’attenzione e l’umanita’ dimostrata nei confronti di Barberis Liliana e di Noi tutti che non ci siamo mai sentiti soli nei momenti di difficolta’.
              Grazie alle tempestive cure, con l’intervento di una medicalizzata della CRI di Verbania con equipaggio sanitario, ma soprattutto alla prontezza con cui e’ stata effettuata la diagnosi e delle cure di tutto il personale, prima del DEA e poi del reparto di Emodinamica, una vera eccellenza della nostra sanita’ locale e non solo, Liliana si sta riprendendo; ma soprattutto ci sentiamo uniti nel constatare che, a scapito della malasanita’ di cui tanto si sente parlare, la nostra sanita’ dell’ASL VCO, pur tra mille difficolta’ strutturali e logistiche, per le problematiche a tutti note, vanta ed esprime delle eccellenze che e’ giusto e doveroso sottolineare; eccellenze che si hanno grazie all’altissima professionalità e dedizione dei nostri medici, degli infermieri e delle OSS, che abbiamo la fortuna di avere nei nostri due presidi ospedalieri.
Un ringraziamento particolare va ai medici e alle infermiere del DEA, al primario di Cardiologia/emodinamica Dott. Lupi Alessandro, al Dott. Massimo Tessitori e alla Dott.ssa Chiara Anchisi che unitamente ai loro colleghi e agli infermieri/e e OSS di reparto permettono di avere , in una provincia periferica, montana e piccola come la nostra, un reparto di eccellenza come quello di emodinamica altamente all’avanguardia in grado di intervenire in situazioni emergenziali, che fino a poco tempo fa ci obbligavano ad andare a Novara o ad  Alessandria.
        Dopo questa esperienza, siamo ancora piu’ convinti della necessita’ di avere un Ospedale unico provinciale, a prescindere dal sito in cui potra’ essere realizzato, in grado di consentire a queste persone, di operare sempre al meglio garantendo una sanita’ di qualita’ nel VCO che oggi e’ assicurata con tanti sacrifici e professionalita’ dai medici, dagli infermieri e dalla OSS che operano quotidianamente nei nostri ospedali.
                      GRAZIE, grazie, grazie per il lavoro che quotidianamente svolgete in silenzio per salvare vite umane


                                                                                                                 Famiglia
                                                                                   Monti Enrico Amedeo e Barberis Liliana