1

ghiffa prv

VERBANIA – 21.10.2019 – Dovrebbero attenuarsi

a partire dalla mattina di domani le fortissime piogge che da due giorni si scaricano sul Vco gonfiando rii, torrenti, fiumi e laghi. Arpa Piemonte da ieri ha classificato questa perturbazione come da allerta arancione, soprattutto nell'alto Piemonte, tra Novarese e Vco. È in queste zone che si sono concentrate con maggior intensità le precipitazioni. Il record registrato ieri dalla rete Arpa è di Cursolo con 136,6 millimetri in sole 24 ore.

La Regione ha aperto già ieri la sala di protezione civile e anche a Villa Taranto il prefetto Iginio Olita segue da vicino l'evolversi della situazione, in contatto con le diverse sale comunali aperte. Oggi pomeriggio ha presieduto un incontro col presidente della Provincia Arturo Lincio, l'assessore alla Protezione civile verbanese Patrich Rabaini, il comandante provinciale dei vigili del fuoco Felice Iracà e i vertici della protezione civile provinciale in videocollegamento con la Regione. Torino ha confermato che i laghi e i fiumi raggiungeranno nella nottata il livello di guardia, al di sotto della soglia di pericolo. Sono possibili locali esondazioni nei punti più bassi del Verbano e dei fiumi in piena.

Il terreno gonfio d'acqua acuisce la possibilità di smottamenti. Come quello che s'è verificato stamane a Ghiffa, sulla strada provinciale 63, nella parte alta del paese. In un punto di via Risorgimento già segnalato per criticità idrogeologiche e sul quale era prossimo a partire un intervento appaltato dal Comune, s'è verificato il cedimento, con il materiale che s'è riversato in un terreno privato. La strada è chiusa e, già domani, inizieranno i lavori di somma urgenza a suo tempo deliberati.