1

DSCN4650

BANNIO ANZINO -12-12-2019 - Il Lupo

e zootecnia montana e caccia, il convegno che s'è svolto ieri a Bannio con relatori E. Bacchetta D. Titoli e R. Rolando.
Da La Valle del Rosa: La serata, importante e partecipata, presso l'ex asilo di Bannio, si è focalizzata su tematiche delicate e materiali perchè il ritorno del lupo mette in subbuglio le abitudini del mondo agricolo, di quello istituzionale, tecnico e dei frequentatori delle terre alte.
E’ stato un convegno importante e partecipato, non basato su relazioni sulla biologia ed ecologia del lupo, già affrontati più volte e sempre importanti, ma qualcosa di più delicato e se vogliamo materiale, ma anche di quello politico-istituzionale, tecnico e anche di chi frequenta e ama la montagna.
Dopo un breve saluto a tutti i partecipanti, giunti da tutte le valli Ossolane e da fuori provincia, sono state presentate alcune proposte su come intervenire a difesa delle aziende agricole e della fauna selvatica.
Diverse le segnalazioni del pubblico presente, con documentazione fotografica sulla presenza e degli attacchi ad animali selvatici e non, da parte del lupo sul territorio, da Borgomanero alla val Cannobina, Valsesia, Strona, Antrona e Anzasca.
Importanti considerazioni sono state dette, senza creare inutili allarmismi:
1) La presenza del lupo è dannosa per il nostro territorio.
2) E' stato notato che nel 2019 sono stati avvistati gruppi di camosci senza piccoli al seguito.
3) Un calo della presenza di caprioli e piccoli selvatici nonché cervi.
4) Almeno 25/30 animali tra cui capre, pecore, vitelli, asinelli sbranati in valle Anzasca.
5) Tra qualche anno ci troveremo sul territorio molti più branchi di lupi, che si avvicineranno alle zone abitate alla ricerca di cibo, trovando meno selvatici da catturare.
6) Gli alpigiani dovranno abbandonare i vari alpeggi non più remunerativi con il conseguente abbandono ancor di più della montagna, dei sentieri.
7) Coinvolgere anche le sezioni C.A.I. del territorio, come è stato fatto nelle regioni con lo stesso problema.
8) Impossibile avere qualsiasi rimborso per i danni ricevuti, per la troppa burocrazia, o difesa dei territori privati.

FOTOGALLERY