1

frontalieri

DOMODOSSOLA - 25-02-2020-- Frontalieri rimandati a casa.

E' questo che sta accadendo ad alcuni nostri connazionali che lavorano oltreconfine. Si tratta, e bene precisarlo, di decisioni prese non dalle autorità elvetiche, ma dai titolari di aziende svizzere. “Eravamo andati a lavorare come di consueto - dicono un gruppo di frontalieri ossolani - nella nostra fabbrica a Sion. Quando siamo arrivati il capoturno ci ha comunicato cui tornare a casa. No sappiamo se ci sarà pagata la giornata oppure dobbiamo prendere ferie”.
Inoltre è sensibilmente diminuito il traffico dei pendolari per Milano e anche quello dei viaggiatori internazionali. Diminuite anche le richieste di agevolazioni dell’iva da parte del extracomunitari.