1

WhatsApp Image 2020 05 29 at 09.35.26

VILLADOSSOLA - 29-05-2020 -- Riapre la settimana

prossima il parco giochi di Villadossola dopo un lungo periodo di chiusura dovuto alla quarantena. Ad accogliere i frequentatori ci saranno i nuovi gestori Elena Nunziatini e Stefano Ghisletti, pronti a servirli al bar.
In questi giorni fervono i preparativi, l'intento è chiaro: ripartire. "Abbiamo deciso di metterci in discussione proprio ora perché abbiamo pensato che un'area come questa, non solo così grande ma anche così bella, possa essere per tutta la popolazione fonte di svago - esordisce Elena - Mettersi in gioco in questo momento storico è una scelta che può sembrare inadeguata ma vogliamo provare a costruire un nuovo modo di fare aperitivo, di giocare, di stare insieme, compatibile alla situazione che stiamo vivendo". Infatti, ci sarà un un ampliamento della zona bar per garantire la distanza di sicurezza fra un tavolo e l'altro; è prevista la disposizione di cartelli in cui vi saranno regole riguardanti il comportamento da tenere durante il gioco di bambini ma anche riguardanti i genitori; la sanificazione verrà effettuata ogni giorno.
In questa nuova sfida, anche il Comune ha svolto un ruolo fondamentale: "La scelta definitiva non sarebbe stata questa se il Comune non ci avesse incoraggiato. C'è stata un'ottima sinergia e il sindaco insieme a tutta la giunta si sono mossi fin dal primo giorno dandoci molta fiducia. Si sono resi disponibili, inoltre, per la risoluzione di alcuni problemi tecnici e sono intervenuti in maniera tempestiva".
Tante sono le idee che prenderanno forma una volta possibile: dall'organizzazione di eventi culturali  all'organizzazione di serate e feste. L'intento è quello di creare un centro polifunzionale che favorisca la socializzazione fra cittadini e renda il parco una realtà ancora più importante nel contesto cittadino. L'interazione fra i nuovi gestori e i frequentatori si svilupperà, oltre che di persona, anche attraverso i loro recapiti telefonici e una pagina Facebook, per il momento ancora in costruzione.

Marco Cerutti