1

Schermata 2020 06 04 alle 09.40.40

DOMODOSSOLA- 04-06-2020--Un grosso pianoforte

a coda che nessuno suonerà più in mezzo alla sala, un dolore immane per la scomparsa di una figlia a cui si unisce quello per i pettegolezzi, le illazioni, i commenti falsi giunti anche sui media nazionali. E' distrutta ed arrabbiata la madre di Alice Severi per quanto detto in tv e sui giornali nazionali a proposito della improvvisa scomparsa, a soli 32 anni, della pianista originaria di Domodossola e conosciuta in tutto il mondo: “Niente cocaina, niente corda per impiccarsi- spiega- Alice il giorno prima aveva avuto mal di testa e male alla schiena e preso antidolorifici, la mattina quando il mio compagno è andato a svegliarla, ha fatto per darle un bacio in fronte, come faceva sempre prima di andare a lavorare, e l'ha trovata morta. Nessun giallo e nessun mistero, Alice se n’è andata per cause naturali. Voglio restituire ad Alice il rispetto che merita, smentendo le piccole invidie e la ridda di voci che ci fanno arrabbiare”. In tv, alla trasmissione Quarto Grado hanno parlato di giallo sulla morte di Alice Severi, e sul Corriere della Sera hanno alluso ad indagini, che però non ci sono: “E’ una macchina del fango insopportabile – spiega la madre di Alice- tutto falso, non sono mai entrate droghe a casa, Alice, che voleva sempre e solo migliorarsi, voleva solo suonare il pianoforte per essere felice, e in questo periodo lo suonava divinamente. Alice non voleva autopsie, ed era agnostica, le abbiamo dato solo una breve benedizione”. Un ultimo pensiero lascia intravedere una luce di speranza in fondo al tunnel del dolore: “Il pianoforte di Alice resterà in sala fino a quando non troverò un bimbo dotato come lei, e senza possibilità economiche”.