1

scuolabus gratis 2

PIEMONTE-11-08-2020-- L''organizzazione del trasporto scolastico sta creando notevoli problematiche ai Sindaci e alle Amministrazioni, in particolare nei Comuni piccoli e montani. Come previsto dall'ultimo Decreto del Presidente del Consiglio, del 7 agosto, gli Enti stanno ripensando l'organizzazione, sia diretta, in economia, visto che tanti Comuni si occupano dei "pullman gialli" per bambini e ragazzi che devono andare a scuola, sia con le aziende che hanno in appalto i servizi, ma anche a livello sovracomunale ove sono Unioni montane e Comunità montane a organizzare i servizi. Uncem sta raccogliendo notevoli preoccupazioni dei Sindaci, sui quali cade la responsabilità dell'organizzazione del trasporto per evitare che siano questi dei vettori non adeguati per contenere e azzerare il contagio da covid-19.

Non basteranno solo risorse economiche in più, da trasferire dallo Stato e dalle Regioni ai Comuni e agli Enti territoriali ad esempio per igienizzazione e sanificazione dei mezzi una volta al giorno. Uncem ha scritto ai Ministri dei Trasporti e dell'Istruzione di poter fare un approfondimento urgente: nelle linee guida statali per il trasporto scolastico ci sono alcune questioni troppo gravose per i Comuni.

Come la durata del viaggio, fino a 15 minuti, che permetterebbe, secondo le attuali regole, di non rispettare il distanziamento. "Se il trasporto pubblico urbano viaggerà senza distanziamento, indipendentemente dal tempo, è necessario che anche sugli scuolabus, su tutto il trasporto scolastico si viaggi a pieno carico", evidenzia il Presidente nazionale Uncem. Dunque si seguano regole uguali per tutti.

E il Ministero accolga la proposta Uncem di un tavolo specifico per i territori montani, per i piccoli Comuni, nei quali l'organizzazione del trasporto è funzionale al contenimento dello spopolamento e dell'abbandono. Occorre riconoscere le peculiarità organizzative, stanziare risorse aggiuntive, supportare i Sindaci nell'organizzazione del trasporto, con flessibilità di regole che finora però non sono ste riscontrare nell'interlocuzione con gli Uffici scolastici regionali per definire classi e modalità di costruzione del sistema scolastico".