1

fabio rotondo racconti nel pomeriggio cover
NOVARA – 26-09-2020 -- Un libro ispirato

da luoghi molto diversi, ma geograficamente vicini quali Novara, Malesco e la Valsesia. Luoghi in cui, rispettivamente, vive lavorativamente parlando, ha trascorso le vacanze nella casa di famiglia e in cui ha passato l'ultimo week end prima della maturità. Ci sono molti elementi autobiografici nel libro “Racconti nel pomeriggio” di Fabio Rotondo, all'esordio nel mondo della narrativa. All'attivo ha infatti altre due pubblicazioni: “97/3” e “Tempi interessanti” (quest'ultimo è un instant book scritto durante il lockdown), entrambi dedicati alla crescita personale. Rotondo, infatti, si divide tra l'attività formativa per la crescita personale e la società di sviluppo software, di cui è titolare.

Come nasce “Racconti nel pomeriggio”?

“Tutto è iniziato nel 2014, quando ho scritto il primo racconto “Adesso”, che in realtà è diventato l'ultimo – spiega Rotondo – Gli altri due sono usciti dalla mia testa più tardi, quasi in parallelo. Ma a quel punto ho pensato che potevano avere un filo conduttore e che sarebbero potuti confluire in un piccolo libro”.

Perché questo titolo?

“Il libro può avere diversi livelli di lettura: dalla storia così com'è, fino ai diversi stadi della vita, in cui identificarsi, anche in base all'età del lettore di turno. Da qui il titolo “Racconti nel pomeriggio”: ogni età appartiene a una fase diversa della giornata. Al di là dell'amore, che è presente in ciascuno dei tre racconti, in forme diverse, ho voluto offrire degli spunti di riflessione sui temi delle “occasioni perdute” e sulle “ultime volte”. Sul fatto che ci sono momenti che valgono una vita e decisioni (o non decisioni) che possono segnartela per sempre. Ma quando te ne accorgi solitamente è già troppo tardi”.

Tutti e tre i libri di Rotondo sono autopubblicati e disponibili su Amazon.

el.fe.

Nella foto in alto un particolare della copertina di “Racconti nel pomeriggio”, qui sotto Rotondo
fabio rotondo