1

flaim alto

VERBANIA - 01-10-2020 -- Avevano chiesto di rinviare

il punto e di riaprire la discussione ma, alla fine, hanno votato con la maggioranza. È passata senza voti contrari, con l’appoggio della Lega (e di Forza Italia) autrice della proposta di rinvio, e con due astensioni -una nella maggioranza, il consigliere Pd Giovanni Battista Finocchiaro De Lorenzi)- l’adozione della variante 37 al Piano regolatore, quella che contiene le modifiche “turistiche” al Piano Grande di Fondotoce (tra il golf e il Camping Continental); e il cambio di destinazione d’uso di un terreno agricolo -che diventa turistico-ricettivo- in via alla Bolla a Intra. Dopo una tesa riunione della Commissione Urbanistica, caricata dalle proteste degli ambientalisti contrari a ogni intervento sulla piana di Fondotoce, e dopo che a mezzo stampa il Carroccio aveva spinto per la piena realizzazione del progetto Manoni, la discussione a Palazzo Flaim s’è chiusa con una convergenza. La Lega, favorevole agli investimenti privati -come ha rimarcato Luigi Airoldi- ha detto sì, accontentandosi delle concessioni e prendendo per buoni i propositi della giunta. Il sindaco Silvia Marchionini e l’assessore all’Urbanistica Giovanni Battista Margaroli, infatti, non hanno chiuso agli interventi futuri del golf e della Cascina De Antonis. “Ci portino un progetto e ci ragioneremo” - ha detto Margaroli spiegando che il progetto dettagliato dell’imprenditore non è arrivato. “La colpa è della Regione che con i suoi tecnici blocca tutto al Piano Grande” - ha aggiunto Marchionini.

Critiche oggettive, nel merito e nel metodo, sono state portate dal presidente del Consiglio comunale Giandomenico Albertella, che avrebbe voluto una variante strutturale per tempo “se foste partiti l’anno scorso sareste già a buon punto” e che, a proposito dell’intervento di via alla Bolla, s’è chiesto quale sia stato il criterio di scelta dell’imprenditore: “sarebbe stato più trasparente pubblicare un avviso e chiedere chi, tra i possessori di terreni agricoli, avrebbe voluto una variante e poi, su dati oggettivi, scegliere”.

Con la maggioranza pressoché compatta e con il pentastellato Roberto Campana assente (aveva già preannunciato che non avrebbe partecipato alla discussione perché la famiglia possiede un’attività a Fondotoce), i distinguo della minoranza sono arrivati dalle civiche Insieme per Verbania e da Fratelli d’Italia, che non hanno partecipato al voto; Prima Verbania s'è astenuta.

(foto di repertorio)